Domanica impegnativa per i tecnici del Soccorso Alpino Toscano della Stazione Carrara e Lunigiana

0
1227

Ieri sera la Stazione Carrara e Lunigiana del Soccorso Alpino Toscano è stata impegnata su tre interventi. I primi due hanno avuto ad oggetto dei cercatori di funghi.
Verso le 21.45 di Sabato un uomo nei pressi di Tavernelle (MS) ha allertato i soccorsi per segnalare il mancato rientro della suocera, della moglie e della figlia di 10 anni.
Soccorso Alpino e Carabinieri si sono attivati subito nelle ricerche. Grazie al contatto telefonico con la moglie è stato possibile risalire alla loro posizione. A quel punto sono state ritrovate sulla strada a notte inoltrata.

Il secondo ha interessato un altro cercatore di funghi caduto in un canalone: a seguito della chiamata giunta Domenica mattina alle 8.15, i tecnici del SAST sono partiti dalla Lunigiana in direzione Resti, frazione di Mommio nel Comune di Fivizzano. Per le operazioni di recupero sono stati impegnati gli uomini del SAST a terra e Pegaso tre ha provveduto al trasporto in ospedale.

Il terzo intervento invece non ha niente a che vedere con i cercatori di funghi. La Stazione di Carrara è stata attivata per procedere alle ricerche di M.P., classe 97 originario di Brescia. Nonostante il telefono quasi scarico, il ragazzo era riuscito a chiamare il 118 dicendo di trovarsi “appeso in una parete nella cava 57” . Subito dopo riuscirà a mettersi in contatto con dei suoi amici a La Spezia fornendo però un’indicazione diversa circa la numerazione della cava. Stamani le ricerche sono state portate avanti dagli elicotteri Pegaso e Drago. Grazie all’analisi delle celle attivate, questo pomeriggio è stato deciso di battere maggiormente il versante ligure, lungo la cresta del Pesaro.
Tutto ciò fino alle 16.15, quando si è venuto a scoprire che il ragazzo avrebbe mandato un messaggio alla madre dicendo di trovarsi in treno e che stava facendo ritorno a casa.
La ricostruzione dei fatti ha portato a localizzare il ragazzo alle 10 di mattina ad un rave party posso Campo Cecina.

Ufficio Stampa SAST
Paolo Romani