Prima domenica d’estate di duro lavoro per la stazione di Lucca del Soccorso Alpino e Speleologico Toscano

0
1037
occorso Alpino e Speleologico Toscano

Lucca 26/06/2016 – Prima domenica d’estate particolarmente impegnativa per i volontari del Soccorso Alpino e Speleologico Toscano della stazione di Lucca che sono intervenuti in tarda mattinata sia nell’Orrido di Botri con Pegaso 1 sia sulla Pania della Croce presso il rifugio Rossi e nel pomeriggio a Casini di Corte (Sillano) per recuperare degli escursionisti infortunati .
In mattinata intorno alle ore 12.30 una squadra di volontari del SAST è partita per il recupero di una donna ferita nella Riserva Naturale Orrido di Botri (Lucca).
La donna, M.P, stava percorrendo l’itinerario turistico della riserva quando è scivolata su un masso bagnato ed è caduta battendo in modo violento la schiena.
La squadra a terra, dotata anche del medico del SAST, una volta giunta sul luogo ha stabilizzato ed immobilizzato la persona. Grazie alle condizioni favorevoli del luogo è stato richiesto l’intervento dell’Elisoccorso Pegaso 1 da Firenze per il recupero.
Una volta sul posto, il Tecnico d’Elisoccorso è stato verricellato per poter effettuare le manovre d’imbarco della signora ferita.
L’intervento si è concluso alle 14.30 circa quando M.P è stata portata all’Ospedale Careggi di Firenze.
Nel Pomeriggio poi, intorno alle ore 16.00, i tecnici del SAST  di Lucca sono dovuti di nuovo intervenire per il recupero di un signore ferito a Casini di Corte nella frazione di Sillano, in Alta Garfagnana (LU).
L’uomo, P.N (74 anni) si trovava nel bosco quando è scivolato ed è caduto riportando traumi.
È partita una squadra a terra di volontari del Soccorso Alpino della stazione di Lucca e l’Elisoccorso Pegaso 3 da Massa. Il ferito è stato recuperato dall’elicottero e portato in base a Cinquale dove lo aspettava un’ambulanza.
L’intervento si è concluso alle ore 18.00

Alma Rinaldelli
Addetta stampa SAST